Get Adobe Flash player

Un documentario da vedere

Un documentario da vedere: “Un delicato equilibrio” per la salute propria e dei propri familiari, per la salute dell’ambiente… Bellissimo, apre la mente e spiega perché i cibi di origine animale alla lunga sono tossici per l’organismo (e per l’ambiente).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Pubblica o Stampa questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Google Buzz
  • Yahoo! Buzz
  • Upnews
  • email
  • Add to favorites
  • Print
  • PDF

4 Commenti a “Un documentario da vedere”

  • Daniela:

    Che dire? Siamo senza parole!!!!!! Ho seguito attentamente ogni minuto di questo interessante documentario… Conoscevo giá per sommi capi questa terribile situazione, ma stasera ho scoperto una realtá ancor più agghiacciante!!!!
    Certo è difficile mettersi in discussione ma credo che mettere la testa sotto terrá sicuramente non ci sará di aiuto e soprattutto non saranno di aiuto neanche quella miriade di farmaci che i ” nostri amati medici” ci prescrivono e ci suggeriscono di assumere quotidianmente…….
    Ti chiedo l’ autorizzazione a salvare il link e a pubblicizzarlo il più possibile e nelle forme più svariate questo video ed anche l’intero sito…..
    Grazie, grazie, grazie!

  • Per stare bene:

    Ciao, puoi tranquillamente pubblicizzare l’articolo e il video. Grazie 😉

  • g:

    Mio padre è venuto a mancare nel mese di settembre per un carcinoma gastrico con lesioni epatiche multiple.le chiemioterapie hanno peggiorato il quadro clinico compromesso anche a causa di una cardiopatia.la più comune biochimica dei xenobiotici(sostanze estranee)all’organismo pone sotto accusa alcuni metodi di cottura del cibo,quali l’affumicatura e la brace,poichè tali metodi sarebbero nocivi per la produzione di sostanze nocive quali benzoapirene(sostanza contenuta nel fumo di sigaretta),e gli idrocarburi.queste metodologie di cottura degli alimenti oltre ed essere non salutari per l’organismo umano.sarebbero anche la causa di complessi meccanismi di risposta da parte dell’organismo umano stesso,il quale accumulerebbe i famosi RADICALI LIBERI che sono causa dell’invecchiamento oltre che dell’ossidazione delle cellule.ma se pensiamo che gli allevamenti di Bovini ,ovini etc etc sono anche sottosposti a trattamenti farmacologici che utilizzano antibiotici e antidolorifici,allora ecco che possiamo iniziare a chiederci:ma cosa sto mangiando?pensiamo alle merendine del supermercato.spesso sono spacciate come:senza grassi idrogenati,ma guardando bene al formulario degli ingredienti noteremo:sciroppo di glucosio,purea di frutta,e un elenco infinito di zuccheri artificiali che finiranno col mandarci in tilt!perchè arricchire i salumi con nitrati di sodio e potassio se di quest’ultimi si conoscono i potenziali effetti cancerosi?e ancora come mai sempre nei salumi mettere del latte parzialmente scremato se il 90% della popolazione mondiale presente un’intolleranza al lattosio spesso non dichiarata?dalla mia formazione di biologa,posso soltanto dire che pur scegliendo un’alimentazione vegana,qual’ora la frutta e la verdura provengano da terreni contaminati da rifiuti tossici e/o da pesticidi,nessun essere umano potrà mai scampare al pericolo di ammalarsi di cancro.la vita media si è allungata,ma talvolta il rischio di ammalarsi di questo male che ti prende corpo e anima è spesso scritto nel nostro identikit più naturale:il DNA.

    G.FIGLIA DI AMMALATO DI CANCRO SCOMPARSO NEL SETTEMBRE 2013.

  • gio:

    è di questi giorni la notizia secondo la quale il gusto alla vaniglia del gelato si ricaverebbe dalle ghiandole anali dello scoiattolo,assieme con il rosso delle caramelle ricavato dal bozzo dello scarabeo?
    ma è veramente questo schifo che vogliamo mangiare?chi si macchi di queste frodi alimentari dovrebbe essere impiccato!!!vergogna!

Lascia un Commento

Ti piace questo sito?
Visita la nostra pagina Facebook e clicca Mi piace, oppure Condividi i nostri articoli!
Importante!

Limitazione di Responsabilità: Gli articoli di "Per stare bene" non vogliono assolutamente essere una critica tout court alle aziende produttrici che vengono citate o agli ingredienti utilizzate dalle stesse. Se le aziende utilizzano determinati ingredienti o fanno determinate scelte, non sta a noi giudicarle (considerato che si attengono alle direttive di legge). Ciò non toglie che la libertà di espressione ci consenta di riportare le nostre esperienze, articoli e libri che dissentono dalle direttive ufficiali e, quindi, il nostro parere che, lo sottolineiamo, è un parere personale. Sarà cura di ogni utente del sito, pertanto, verificare le fonti citate o cercarne a sua volta, al fine di non commettere errori sulla base degli altrui pensieri.

Contatore visite: